DIRE, FARE E COMUNICARE:

MA ANCHE DIGITALE?

 

Per generare benessere e sani stili di vita è fondamentale comprendere l’importanza di una comunicazione efficace, diretta, di valore, senza interferenze, come strumento di vita più conciliante con se stessi, le famiglie, la scuola e i pari. Ad ogni età è possibile allenare una corretta comunicazione: abilità fondamentale per la crescita. Della comunicazione è infatti necessario fare esperienza, accrescere delle competenze personali e relazionali fondamentali per sapersi ben spiegare…e farsi ben capire!

Una buona comunicazione rende ogni persona capace di definire meglio il mondo che lo circonda, esportare concetti e sentimenti che lo pervadono, gestire i problemi e le emozioni con più efficacia, è inoltre, lo strumento principale per saper chiedere aiuto nei momenti di difficoltà.

La comunicazione è parte fondamentale del processo di socializzazione ed un fattore immancabile nella costruzione delle relazioni interpersonali.

Oggi l’esperienza multimediale mette i bambini e i giovani in contatto con un numero di persone illimitato utilizzando mezzi come cellulari, web, televisione. Anche i bambini più piccoli sono toccati da questa realtà, che pur li attende e, che già indirettamente vivono attraverso i genitori. La comunicazione tra i soggetti resta frammentata e molto spesso mediata da oggetti, dialoghi indiretti e non luoghi, creando conversazioni plurime a diversi livelli.

Come gestire questa realtà?  La tecnologia, il digitale, il web…sono amici o nemici?

DESTINATARI

  • Allievi delle classi delle scuole materne, primarie e secondarie di primo grado;

  • Agli insegnanti di classe in fase di presentazione del pacchetto formativo e di restituzione del lavoro svolto

  • Altri soggetti di riferimento: genitori, psicologo dello sportello, educatori di altri progetti

TIPOLOGIA DELL’INTERVENTO

1 incontro con gli insegnanti per condividere le eventuali conoscenze già acquisite dagli studenti e presentare il progetto;

4 incontri con i ragazzi, di 2 ore ciascuno

1 incontro di restituzione finale con gli insegnanti, con il possibile coinvolgimento dei genitori (a discrezione degli insegnanti proponenti).

OBIETTIVI

  1. Riconoscere l’importanza di saper ascoltare e di farsi capire, riflessione sulle modalità di ascolto;

  2. Gestire una corretta comunicazione e l’allenamento al dialogo nel gruppo classe;

  3. Individuare il proprio stile personale di comunicazione e della comunicazione come strumento di relazione;

  4. Individuare la differenza tra la rete relazionale e il mondo del digitale;

  5. Apprendere tecniche di comunicazione efficace per promuovere sani stili di vita.

PRINCIPALI CONTENUTI PROPOSTI

La metodologia di intervento privilegia la relazione, sia con adulti sia con coetanei, con un’attenzione particolare all’ambiente circostante, alla capacità di porsi e porre domande, di incuriosirsi e ricercare gli altri. Attività creative di espressione corporea e verbale, aiutano a riflettere sulle modalità di ascolto e di dialogo senza filtri. Laddove possibile saranno introdotte attività con supporto digitale, per proporre un utilizzo corretto dei mezzi, per la stimolazione della capacità critica e della comunicazione nel gruppo classe.

Molte sono le possibili attività e giochi preordinati alla scoperta del linguaggio verbale e corporeo, della comprensione e della relazione con l’altro. Attraverso l’applicazione di alcuni moduli di attività, in accordo con il personale docente, sarà possibile coinvolgere ogni bambino o ragazzo all’interno di un itinerario da protagonista dell’espressione di sé.

Il gruppo sarà inoltre guidato a conoscere il linguaggio adottato nella propria classe, riconoscerne l’efficacia e migliorarne la prestazione ricercando così una maggior efficienza come gruppo classe.

Agli insegnanti presenti in classe saranno lasciati materiali ed indicazioni per il possibile approfondimento ed il proseguimento del lavoro in classe se gradito e/o necessario.

La Referente del Progetto

Dott.ssa Francesca Pavan – Educatrice professionale,  Programmazione e gestione dei servizi  educativi e formativi