PERCHE’ UN LABORATORIO RAP?

 

La musica rap oltre ad essere per i giovani e giovanissimi la musica ed il fenomeno del momento, in un periodo storico dove l’importanza di esprimersi e comunicare torna ad essere fondamentale e’ una maniera di esprimersi in musica molto semplice che non richiede una preparazione musicale specifica ma soltanto la giusta voglia di mettersi in gioco.

Un percorso ad appuntamenti dove si insegna ad utilizzare la musica rap, per raccontarsi o semplicemente per esternare agli altri la propria quotidianità sino ad arrivare a nozioni tecniche e ragguagli per formare chi già sta muovendo i primi passi in musica spinti da una passione che può trasformarsi in professione.

 

ZULI E TERRAMIA

 

Laboratorio Rap Terapeutico © è un marchio registrato da Terra Mia insieme all’artista e professionista Marco Zuliani in arte ZULI.

Con alle spalle un lunga carriera musicale partita dalla metà degli anni Novanta, Zuli unisce la passione per le sonorità della musica reggae mischiate allo stile hip hop.

Zuli

Dopo aver lavorato con artisti del calibro del trombettista Roy Paci, degli AfricaUnite, ha guadagnato l’attenzione del grande pubblico collaborando e duettando con i più celebri artisti hip hop del momento , tra cui : Club Dogo, Gue’ Pequeno, Jake la Furia, Salmo, Emis Killa, Ensi, Onemic, dj Jad…le sue liriche ricercate, melodie orecchiabili e uno stile inconfondibile che sono diventati sinonimo di successo.
Attualmente mentre prosegue la sua carierà artistica, tra nuovi album pubblicati, video e tour, la sua idea è quella di trovare nelle altre persone, attraverso un laboratorio didattico, quelle che sono state le motivazioni che hanno fatto di un ragazzo della periferia torinese un artista riconosciuto nel panorama musicale italiano.

 

OBIETTIVI GENERALI

 

• utilizzare la musica come mediatore di emozioni, come strumento per la collaborazione e la cooperazione con gli altri;

• sviluppare la percezione del ritmo e imparare ad esternare la proprie emozioni scrivendo in rima;

• stimolare il controllo del proprio corpo e la coordinazione motoria attraverso la musica;

• eseguire e registrare il brano creato in formazioni d‘insieme attraverso l’utilizzo del canto, imparando il rispetto e l’importanza del proprio ruolo assegnato all’interno di un contesto di gruppo.

 

 

COSA OFFRIAMO?

LABORATORI SCUOLA

Scopo del percorso quello di realizzare 1 brano pensato e realizzato dall’intera classe e cantato da tutti gli studenti.

6 INCONTRI di cui

4 incontri da 1h
per la realizzazione e composizione del testo
2 incontri da 2h
per la registrazione del brano

 

Costo totale: 450 € più IVA

 

(Ogni allievo della singola classe avrà a fine laboratorio un cd con la canzone e la copertina personalizzata)

 

CORSI INDIVIDUALI

Scopo del corso quello di realizzare 1 brano imparando le tecniche basi del Rap e dell’Hip Hop e del canto.

4 INCONTRI di cui

3 incontri da 2h per la realizzazione e composizione del testo seguendo le tecniche del Rap
1 incontri da 4h per la registrazione del brano

 

Costo totale: 350 € più IVA

 

(Il corso si può fare in una delle nostre sedi di Moncalieri, Grugliasco, Chieri o Castagnole delle Lanze)

 

PERCORSI TERAPEUTICI

Scopo del percorso quello di realizzare 1 brano con la supervisione di uno Psicoterapeuta insieme a ZULI.

4 INCONTRI di cui

3 incontri da 2h per la realizzazione e composizione del testo con la supervisione di uno Psicoterapeuta
1 incontri da 4h per la registrazione del brano

 

Costo totale: 530 € più IVA

 


(Il corso si può fare in una delle nostre sedi di Moncalieri, Grugliasco, Chieri)

CONTATTATTACI AL FORM

Oppure chiama al +39 349 18 65 804

Saremo lieti di darvi ulteriori informazioni
O farvi un preventivo personalizzato!

 

Scarica QUI il volantino ufficiale

 

Laboratorio Rap Terapeutico © è un Marchio Registrato.

Il tuo nome

La tua email

Oggetto

Il tuo messaggio

Accetto le condizioni sul trattamento dei dati personali

La musica è il linguaggio al quale i giovani più ricorrono per vivere ed esprimere le loro emozioni. Un certo utilizzo della musica riesce, infatti, a modificare la percezione di sé, a produrre una sensazione di liberazione, a indurre una specie di “estasi” che estranea dalle difficoltà ed esalta la comunicazione e la partecipazione emozionale.

Da sempre musica e danza, inoltre, sono il motivo dominante di ogni festa, di ogni incontro giovanile, all’insegna del divertimento e della ricreazione.
Il nuovo linguaggio emozionale della musica (rap, dance, hip hop) sembra corrispondere particolarmente agli stili di vita di oggi, alle modalità dello stare insieme, in un mondo percepito in continua trasformazione.
La musica svolge quindi una funzione curativa.

Il programma musicale che l’artista Zuli ha svolto con i ragazzi dei “Due Mulini” e che ha presentato in alcune performance artistiche a Carmagnola (attività agricola della coop. soc. Terra Mia) s’inserisce nel progetto agricolo-culturale-artistico “Cantare la terra”, illustrato in dettaglio nell’omonimo libro di Don Domenico Cravero.

La funzione curativa della musica può essere, così, molto più incisiva e vera.
Può aprire la mente, insieme alle emozioni che dà.
L’esperienza musicale sperimentata nel lavoro con Zuli e nelle performance realizzate ha dimostrato in modo sorprendente la virtuosità del percorso intrapreso. I ragazzi hanno potuto comporre testi, esporli in pubblico, dare la loro voce nel canto, esprimere con il corpo le emozioni che la musica di Zuli produceva.

Le persone in condizione di particolare vulnerabilità hanno bisogno dell’espressione dei loro talenti e della stima degli altri per veder riconosciuta la propria identità. L’atteggiamento dell’ammirazione, naturalmente, non rimuove i problemi e non guarisce la malattia. Apre piuttosto una speranza realistica, non interessata agli orizzonti irraggiungibili della fantasticheria, ma al potenziale concreto delle possibilità di ognuno.

La passione è la condizione indispensabile per decidersi all’azione (a alla cura di sé) perché ristabilisce la fiducia che rende possibile il volere.
La musica e il canto riscattano dal mondo impersonale del “si vive”.
Nel linguaggio in “prima persona” le cose hanno senso perché “mi toccano”, “mi riguardano”, e, per questo, coinvolgono anche gli altri.